La massoneria italiana da Giolitti a Mussolini

Massoneria italiana_front

Il gran maestro Domizio Torrigiani

Fulvio Conti (a cura di) - Viella, 2014

All’epoca della prima guerra mondiale, forte di circa venticinquemila affiliati, molti dei quali figure di spicco del mondo politico e istituzionale, dei vertici militari, degli ambienti economici e di quelli accademici, la massoneria rappresentava un attore importante della scena pubblica italiana.

Utilizzando la straordinaria documentazione inedita conservata nell’archivio di Domizio Torrigiani, gran maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1919 al 1925, il volume ripercorre le vicende della massoneria nel periodo cruciale che va dall’età giolittiana agli anni Trenta, gettando nuova luce sul suo ruolo nella grande guerra, nell’impresa di Fiume e fino all’avvento del fascismo (tra l’altro confermando in modo pressoché definitivo un finanziamento diretto della massoneria al Pnf all’indomani della marcia su Roma).

Analizza poi il sostegno all’opposizione antifascista durante l’Aventino e negli anni successivi, soffermandosi sull’attentato Zaniboni-Capello del novembre 1925 che costò a Torrigiani, accusato di complicità, la condanna a cinque anni di confino a Lipari e a Ponza.

Il volume arricchisce per più aspetti le conoscenze sulla storia italiana della prima metà del Novecento e valorizza ulteriormente un tema di ricerca – la storia della massoneria italiana e dei suoi rapporti con la sfera pubblica – oggetto di crescente interesse da parte degli studiosi e del più largo pubblico.

Contributi di R. Bianchi, L. Cerasi, F. Conti, S. Fedele, M. Franzinelli, A.M. Isastia, M. Mondini, C. Poesio, A. Staderini.

Fulvio Conti insegna Storia contemporanea presso l’Università di Firenze. Tra le sue pubblicazioni, Storia della massoneria italiana. Dal Risorgimento al fascismo (il Mulino, 2003), Massoneria e religioni civili (il Mulino, 2008), Massoneria e cultura laica in Sardegna (Viella, 2014).     

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>