I conquistatori dell’Impero

untitled

Fabrizio Rosticci - "La Spalletta", anno XXXII, n. 37 di sabato 19 settembre , 2015

La campagna militare del Corno d’Africa, iniziata il 3 ottobre 1935, si sarebbe conclusa dopo sette mesi di combattimenti caratterizzati – oramai dal 1996 è cosa riconosciuta pure dallo Stato italiano – anche dall’impiego di armi chimiche (Iprite e Fosgene) da parte del nostro esercito, con l’invasione totale del territorio etiope.
La sera del 5 maggio 1936, Mussolini poteva annunciare la vittoria al popolo italiano:

“Il Maresciallo Badoglio mi telegrafa: «Oggi 5 maggio, alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose, sono entrato in Addis Abebà». L’Etiopia è italiana. Italiana di fatto, perché occupata dalle nostre armate vittoriose, italiana di diritto, perché col gladio di Roma è la civiltà che trionfa sulla barbarie, la giustizia che trionfa sull’arbitrio crudele, la redenzione dei miseri che trionfa sulla schiavitù millenaria”.

Il 9 maggio, quindi, dal balcone centrale di Palazzo Venezia proclamava che “l’Italia ha finalmente il suo Impero” e che “il titolo di Imperatore viene assunto per sé e per i suoi successori dal Re d’Italia”.

vedi pdf

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>