I carretti della solidarietà

Copertina Carretti rosso ok_Layout 1

Popolazione civile e Resistenza apuana

Orlando Baroncelli - Libri Liberi editore, 2020

Questo libro nasce dall’idea di ricordare la figura di Ernesto Pierucci, antifascista massese, recentemente scomparso. Nel biennio 1943-1945 le strade ed i sentieri che valicavano il Passo della Cisa e le Alpi Apuane erano percorsi da civili, soprattutto donne e ragazze che, spingendo carretti a mano ma perlopiù a piedi con i sacchi in spalla, si recavano nel Parmense o in Garfagnana e nel Modenese per scambiare il sale con altri cibi e soprattutto con farina per fare il pane necessario alla sopravvivenza. Queste “formiche apuane” – come le definì felicemente Piero Calamandrei – svolsero un ruolo fondamentale per lenire la fame della popolazione durante la guerra.

Il ragazzino Ernesto contribuì alla costruzione di un carretto speciale perché facilmente manovrabile, che la famiglia utilizzò sia per gli sfollamenti tra Massa e Carrara sia per andare alla disperata ricerca di cibo in Lunigiana e, attraverso il Passo della Cisa, nel Parmense. Questo carretto divenne un simbolo di solidarietà tra la popolazione apuana perché il suo carico di generi alimentari veniva diviso fra le famiglie affamate.

Con le sue interviste alle testimoni civili e alle ultime staffette partigiane, l’autore si incammina in un viaggio a ritroso nel tempo della fame e della guerra restituendoci il contesto storico e le dinamiche sociali dei fatti narrati, in cui le microstorie personali si intrecciano con la Grande Storia: le testimonianze raccolte con cura, prive di retorica ma vive e concrete, fanno rivivere il decisivo contributo dato dalle donne alla Resistenza apuana, le paure per i bombardamenti alleati e i cannoneggiamenti tedeschi, le difficoltà dell’attraversamento del fronte di guerra della popolazione civile sulla “via della Libertà”, l’orrore degli eccidi nazifascisti, le speranze accese dalla creazione del Battaglione internazionale ad opera del maggiore inglese Gordon Lett in Lunigiana, le azioni svolte dai partigiani carrarini, dal Gruppo Patrioti Apuani e dalla Brigata Beretta Pontremolese, fino alla liberazione di tutto il territorio apuano nell’aprile 1945: da Montignoso, Massa, Carrara fino a Pontremoli.

L’opera di ricerca storica si è avvalsa della consulenza ISRA ed è impreziosita da un’ampia sezione di documenti e fotografie dell’epoca tratti, oltre che da quelli familiari dei protagonisti, dagli Archivi dell’Istituto Storico della Resistenza Apuana, dell’ANPI di Massa “Patrioti Apuani-Linea Gotica”, dell’ANPI di Carrara e degli USA National Archives.

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>