Esuli a Lucca

Esuli a Lucca

I profughi istriani, fiumani e dalmati. 1947-1956

Armando Sestani - Pacini Fazzi, 2015

In occasione del giorno del Giorno del Ricordo (il 10 febbraio), l’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in provincia di Lucca, su impulso delle presidenze dei Consigli provinciale e comunale, ha realizzato un DVD “Gli esuli istriani, fiumani e dalmati a Lucca” e un libro scritto da Armando Sestani “Esuli a Lucca”.

Il volume è diviso in cinque capitoli: il primo riguarda la guerra e il dopoguerra a Lucca visto dalla parte degli sfollati; il secondo riporta alle vicende sul confine orientale italiano ed è collegato al terzo, in cui si racconta l’esodo degli esuli da Pola a Lucca nel 1947. A seguire, il capitolo più lungo: quello sull’inserimento dei profughi nella loro nuova realtà, gli aspetti identitari, i problemi di vita quotidiana come il lavoro e la casa o l’attività religiosa. Il libro si chiude con un breve capitolo che fa una quantificazione precisa del fenomeno”.

Armando Sestani è figlio di due profughi, Silvio Sestan (il cui cognome viene italianizzato nel 1932 per decreto del prefetto di Pola) ed Elvia Fanucco, nati a Pola e poi, per nove anni e fino al 1956, vissuti in un campo profughi a Taranto prima di approdare a Lucca alla fine degli anni Sessanta. E’ in questa storia familiare, che rende la città di Pola un luogo magico e fantastico, che si fonda la storia narrata dall’autore. Un lavoro meticoloso e documentato, ricco di numeri e di date, per ricostruire la storia degli esuli che, dopo il 1947, arrivarono a Lucca e vissero molto a lungo dentro il Real Collegio facendo i conti con l’esperienza della vita in comune e con le difficoltà dell’inclusione sociale. Un’opera che ben si integra con il DVD e che diventa anche uno strumento per fare giustizia, alle vittime e ai sofferenti, finalmente restituiti a una narrazione pubblica.

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>