Vie di “Caduti della Resistenza”: Valerio Bartolozzi, Alessandro Sinigaglia, Elio Chianesi

Daniela Quadrelli - Stagista ISRT

I luoghi della Resistenza

via dei pilastri
image_pdfimage_print

Piazza Vittorio Veneto

In questa piazza venne ucciso il primo partigiano della Resistenza fiorentina: Valerio Bartolozzi. Il 9 settembre 1943 a seguito dell’armistizio, il giovane ventenne Bartolozzi insieme ad altri ragazzi stava distribuendo volantini comunisti a favore della costituzione di forse armate contro l’invasione tedesca. In questa occasione venne ucciso inspiegabilmente da un sottotenente del 7° reggimento che stava passando per la piazza. Subito si scagliarono contro di lui i cittadini testimoni.

Via dei Pandolfini

In questa strada morì uno dei più valorosi combattenti della Resistenza, Alessandro Sinigaglia detto Vittorio. Pioniere del movimento partigiano, uomo coraggioso e forte, dal 1928 ricercato dalla polizia perché ritenuto uno dei maggiori esponenti del comunismo.

La sera del 13 febbraio del 1944 Sinigaglia si recò imprudentemente nella trattoria di Innocenti Francesco in via Matteo Palmieri, dove andava spesso nonostante i ripetuti avvertimenti dei compagni; qui incontra Natale Cardini e Valerio Menichetti i componenti della banda Carità, il gruppo più sanguinario degli squadristi fascisti. Appena se ne accorse si affrettò ad uscire, ma fuori, a poca distanza, si appostarono un gruppo di tedeschi che lo colpirono a morte.

Per ricordare la sua valorosa azione una brigata partigiana prenderà il suo nome: la Brigata Sinigaglia.

Alessandro Sinigaglia fu insignito della Medaglia d’argento al valor militare.

Via dei Pilastri

In via dei Pilastri aveva sede una forza armata fascista, la caserma della Guarda Nazionale Repubblicana (GNR) e qui il 13 luglio 1944 fu ferito gravemente Elio Chianesi capo dei gappisti. L’episodio fu causato da alcuni agenti della SD (Servizio di Sicurezza), il servizio segreto tedesco delle SS (Squadre di Protezione), che fecero irruzione nella sua casa in via di Mezzo cercando di catturarlo. Chianesi fuggì abilmente riuscendo anche a nascondere una valigia piena di documenti importanti e le armi che teneva in casa. Fuggendo dalla casa incappò in un gruppo di militi in via dei Pilastri che lo ferirono gravemente.

Fu portato all’ospedale di Santa Maria Novella dove lo raggiunse subito la moglie. Chianesi poco prima di morire ebbe la forza di sorridere appena seppe che la moglie aveva messo al sicuro le armi, la valigia e così il nome dei suoi compagni.

 

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>