Via libera nei giorni scorsi a Grosseto per la Carta dei servizi del Sistema documentario integrato grossetano

26 dicembre 2015
image_pdfimage_print

Via libera nei giorni scorsi a Grosseto per la Carta dei servizi dello Sdig, Sistema documentario integrato grossetano, che riunisce quindici biblioteche del territorio provinciale. Ad approvare il documento che regolerà il servizio interbibliotecario, è stata la Commissione di sistema della rete documentaria, presieduta dall’assessore alla cultura di Roccastrada, Emiliano Rabazzi. “Il Sistema documentario integrato grossetano – spiega Emiliano Rabazzi – rappresenta uno dei principali contenitori culturali a livello provinciale e, grazie anche all’adesione alla rete documentaria della Regione Toscana, offre numerosi servizi e opportunità per i cittadini dei quindici Comuni grossetani e per la crescita culturale e sociale di tutto il territorio. L’approvazione della Carta dei servizi regolerà il suo funzionamento e i rapporti degli utenti con le biblioteche, gli archivi pubblici, gli enti e gli istituti che aderiscono alla rete documentaria Sdig. La Carta, in particolare, definirà la tipologia, la qualità e le modalità di erogazione dei servizi, oltre ai criteri di controllo messi a disposizione degli utenti”. “Organizzazione e regole sono importanti per garantire un servizio migliore agli utenti – aggiunge l’assessore alla cultura del Comune di Grosseto, Giovanna Stellini – perché è fondamentale essere presenti sul territorio con un’offerta di servizi il più possibile omogenei e riconoscibili. Insieme si può costruire un percorso utile a diffondere l’amore, ma anche l’opportunità della lettura”. Strutture aderenti e servizi dello Sdig. Le quindici biblioteche comunali che aderiscono al Sistema documentario integrato grossetano sono, oltre a quella del capoluogo, quelle di Arcidosso, Castell’Azzara, Castiglione della Pescaia, Follonica, Gavorrano, Magliano in Toscana, Manciano, Massa Marittima, Monte Argentario, Orbetello, Pitigliano, Roccastrada, Scansano e Scarlino. In queste strutture, è possibile consultare e leggere libri e riviste; usufruire del prestito, anche interbibliotecario, di libri, anche in lingua straniera, riviste, dvd, cd musicali, audiolibri e tablet con decine di libri digitali; consultare il catalogo collettivo on line su wwwbibl.gol.grosseto.it; accedere alle sezioni librarie e documentarie per bambini e ragazzi; consultare fondi locali, antichi e archivi storici e accedere a postazioni Internet. Le biblioteche, inoltre, ospitano spesso iniziative culturali, quali incontri con autori, laboratori di lettura per adulti e bambini, mostre, spettacoli teatrali e appuntamenti ludico-didattici per utenti più piccoli. Tutti i servizi sono gratuiti e per usufruirne è sufficiente registrarsi presso una delle strutture aderenti al Sistema documentario integrato grossetano.

Fonte: Maremmanews

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>