Officine Galileo

Daniela Quadrelli - Stagista ISRT

I luoghi della guerra e dell'occupazione

Officine Galileo
image_pdfimage_print

Presso le Officine Galileo, storico stabilimento operaio nel Viale Morgagni n. 19, iniziò lo sciopero dei lavoratori il 3 marzo 1944 su ordine del Comitato d’agitazione diretto da Mario Fabiani, Alfredo Mazzoni e Leo Negro, a cui si associarono Pignone, Officine del Gas e il giorno seguente diversi stabilimenti minori.

Come nella Manifattura Tabacchi intervenne il prefetto Manganiello a reprimere lo sciopero, accompagnato questa volta dal colonnello Kunowski. Lo sciopero fu organizzato dal Partito Comunista e predisposto su scala nazionale per il mese di marzo; il Partito d‘Azione collaborò solo parzialmente perché proprio in quei giorni era stato colpito da una serie di arresti.

I lavoratori di molte fabbriche con coraggio e determinazione chiesero di non lavorare più a quelle scarse condizioni salariali e per i nemici della patria, inoltre cercarono di salvare i macchinari dalle requisizioni e gli stabilimenti dalla distruzione dei tedeschi. Dopo l’arresto di una decina di operai il comandante tedesco della città ordinò di riprendere il lavoro e per punizione prolungarlo fino alle ore 20.

 

  • (will not be published)
  • Chi sei?

  • Titolo del tuo contributo*


  • Iscriviti alla newsletter di ToscanaNovecento
  • Puoi usare codice html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>